MENU
Politica Economica

Al rettore Gaudio laurea honoris causa del governo cinese

Il riconoscimento per la Sapienza di Roma è stato conferito dal Comitato per i titoli accademici del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese, su proposta della Zhongnan University of Economics and Law di Wuhan per gli sforzi profusi nel tessere le relazioni tra Italia e Cina.


01/11/2019 12:22

di Mauro Romano - Class Editori

Onorificenza per il rettore  Eugenio Gaudio
La cerimonia di conferimento dell' Honorary Doctoral Degree a Eugenio Gaudio

Il rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio,  è stato insignito dal governo cinese dell' Honorary Doctoral Degree per l’impegno profuso nella promozione della cooperazione internazionale tra la Cina e l’Italia.

Il titolo di Honorary Doctoral Degree in Economics and law è stato conferito dal Comitato per i titoli accademici del Consiglio di Stato della Repubblica Popolare Cinese, su proposta della Zhongnan University of Economics and Law di Wuhan, con la seguente motivazione: “ll Governo della Repubblica Popolare Cinese è onorato di riconoscere ed attestare l’importante ruolo da Lei rivestito nella promozione della cooperazione internazionale ad altissimi livelli in ambito accademico tra la Cina e l’Italia”. 

Il Doctoral Degree è riservato a personalità riconosciute a livello internazionale nel promuovere la dimensione globale della cooperazione con la Repubblica popolare. In passato a ricevere l'onorificenza sono stati gli ex segretari generali della Nazioni Uniti  Kofi Annan e  Boutros-Ghali, l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder, l'ex presidente del Comitato olimpico internazionale Juan Antonio Samaranch e il presidente della University of Oxford, Colin Lucas.

 “Ricevere questo riconoscimento costituisce un’attestazione di stima anche nei confronti dell’Ateneo che mi onoro di guidare dal 2014, ha detto il Rettore, "la dimensione internazionale ha contraddistinto questi anni di rettorato e il potenziamento dei rapporti con la Cina è uno dei punti fondamentali di tale percorso. Come ha evidenziato il Presidente Xi Jinping nella recente visita in Italia, uno dei motivi che rendono i nostri Paesi simili tra loro è che entrambi guardano al futuro ma al tempo stesso sono ricchi di un glorioso passato e incarnano stili di vita che integrano antico e moderno, classicità e innovazione”.

In quasi dieci anni, la Sapienza, dove per anni è stata attiva una facoltà di Studi Orientali, ha accolto più di 2.200 studenti cinesi iscritti ai diversi corsi di studio  Lo scorso anno inoltre, in occasione della adesione italiana alla Nuova via della seta, è stato inaugurato a Wuhan presso la Zhongnan University of Economics and Law, l'Istituto italo-cinese presieduto da Oliviero Diliberto, docente di Diritto romano e preside della Facoltà di Giurisprudenza della Sapienza. Asettembre è partito il primo corso di laurea magistrale in European Studies, Private comparative Law in Cina. Al corso, che rilascerà il titolo di studio Sapienza, sono attualmente iscritti 26 studenti cinesi. (riproduzione riservata


Chiudi finestra
Accedi